Tappezzeria artigiana verso il futuro

Le veneziane: oggetto di design che arreda e protegge
24 Aprile 2019
Scegli il giusto colore della tappezzeria e ti sentirai meglio
15 Maggio 2019
Show all

Tappezzeria artigiana verso il futuro

Anche la tappezzeria ha dovuto fare i conti con il progresso tecnologico. Nuove metodologie di lavoro, nuovi strumenti per assemblare i manufatti, ma più di ogni altra cosa le materie prime: negli ultimi decenni sono cambiati i materiali e nuovi prodotti si sono presentati sul mercato.

Di fronte a un simile scenario, l’artigiano ha dovuto scegliere di proseguire sulla strada della tappezzeria classica o abbracciare le suggestioni della tappezzeria contemporanea.
La combinazione armonica di tradizione e modernità è forse la strada più impervia, ma è senza dubbio la più produttiva, soprattutto nell’ottica di produrre un’offerta in grado di unire qualità, eccellenza artigianale e novità. Non si tratta di scegliere fra tappezzeria classica e tappezzeria contemporanea, bensì di trovare un terreno comune per farle convivere. Anche, se necessario, nel medesimo ambiente.

Ma quali sono, a grandi linee, le differenze fra tappezzeria classica e contemporanea?

Alla base c’è soprattutto una diversa concezione estetica dell’interior design e dell’occupazione di spazi abitativi. La tappezzeria contemporanea tende a occupare meno spazio possibile, mentre la tappezzeria classica denota un gusto maggiore nei confronti del riempimento dei volumi. Ne consegue un diverso utilizzo dei materiali: infatti la tappezzeria contemporanea deve creare un impatto estetico e uno stile pur occupando meno spazio possibile.

L’ergonomia deve inoltre sposarsi allo stile e alla funzionalità: dunque largo a materiali leggeri, possibilmente in grado di non trattenere gli acari della polvere per facilitare le operazioni di pulitura quotidiana, a loro volta condizionate dalla compressione dei tempi da dedicare alla cura della casa.

Le imbottiture in pelle o in stoffa (per sedie, poltrone e divani), un tempo caratterizzate da un’esibita vistosità, oggi sono più discrete e ricercano avveniristiche soluzioni di ergonomia, per un maggiore comfort.

Per non parlare dei tendaggi: anche in questo caso la tappezzeria contemporanea prevede una negazione dei pesanti drappi di un tempo in luogo di stoffe e tessuti molto meno invasivi.
Un discorso a parte per materassi, cuscini e guanciali. Si tratta dei prodotti sui quali la tappezzeria contemporanea si è concentrata maggiormente nell’individuare nuove tecniche e materiali di ultima generazione, allo scopo di rendere il riposo un’esperienza sempre più commisurata alle esigenze individuali del singolo cliente.

Si va quindi verso una direzione di concetto minimal e di comfort, che tende a eliminare le pomposità di un tempo lasciando spazio al benessere e alla pulizia dell’ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *